Mattia Scappini

banner.scappini

Mattia Scappini
Terre di confine

Marmo di Carrara

2020

 

terra di confine 2 marmo 1

 

L'opera

Un velo sottile separa lo stato di veglia dal sonno. I sogni sfumano nei primi momenti della giornata e il loro ricordo si confonde fra i pensieri del risveglio, mentre le memorie del giorno ritornano trasfigurate nelle visioni della notte. I sogni, le fantasie, i desideri e le aspirazioni si confrontano e si accordano con le esigenze e con le necessità. Il confine è incerto e il controllo trova spazio per il suo opposto. 

L’opera non è la rappresentazione di un corpo materiale, ma della pelle o del velo che lo separa dal resto del mondo. La rappresentazione di uno stato di equilibrio fra coscienza ed incoscienza, in una “Terra di Confine” dove può essere rischioso indugiare troppo a lungo, del desiderio di perdere il controllo e la necessità di ritrovarlo: per non andare troppo oltre, per non smarrire la lucidità. Per non essere travolti.

 

Scappini D1
Scappini D2
 

Mattia Scappini

Parla di lui Andrea Saltini: "quella di Mattia Scappini inizialmente appare come una ricerca sul paesaggio contemporaneo, sul tempo e la memoria, attraverso una pittura a olio, prevalentemente su carta e cartone, lenta e rigorosa, che tende ad esaltare scenari, luoghi e zone misteriose. A volte ci appaiono come paesaggi post urbani: città, anche. Ma un occhio più paziente ci rivela ciò che rimane, in fondo, delle città, condensati di luoghi comuni, una summa di concetti condivisi, d’immagini costantemente reiterate che, a forza di essere ripetute, si condensano, si ammassano, solidificano e poi rimangono lì, monolitiche, inesorabili, ripetibili, infinite, riflettenti. Erose. Vere. O meglio, erano vere, ma adesso non lo sono più. Luci, ombre. E poi c’è il mistero, che rimane nella penombra, si dissolve lungamente, solido e liquido a un tempo. Attraverso un sapiente uso del non-colore Mattia Scappini, crea dei non-luoghi, spazi che smettono di esser parte di un paesaggio, ma rinascono, riaffiorano da un mondo interiore, silenzioso, intimo, personale, sentimentale, una Stimmung, un’astrazione mentale fuori dal tempo".