Fuse

banner.fuse

Fuse
Treu

Installazione audiovisiva

2020

 

 

fuse* / ... from Esposizione Orizzontale on Vimeo.

 

L'opera

Treu è un'installazione audiovisiva che elabora i molteplici significati e le implicazioni del concetto di fiducia. Sul piano collettivo, osservando come gli avvenimenti storici abbiano influenzato il suo corso e di come questo possa evolvere in futuro. Su quello individuale, andando ad esplorare visivamente come la presenza o la mancanza di fiducia possa spostare la percezione che ciascuno di noi ha della realtà.
La fiducia può condizionare l'andamento di un ciclo economico in modo determinante. Governi e banche dedicano ingenti risorse nell’ambito della comunicazione per cercare di influenzare il livello di fiducia della popolazione. A livello macroeconomico un aumento di fiducia porta ad un aumento dei consumi e una maggiore propensione agli investimenti: entrambe componenti fondamentali per la crescita economica. Al contrario se la fiducia risulta infondata e non sostenuta da una reale crescita economica tale squilibrio può avere il potere di spostare l’opinione pubblica e innescare processi di cambiamento sociale.
L’opera è nata da un’indagine sull’operato della Treuhandanstalt, l’agenzia che dal 1990 al 1994 è stata responsabile del trasferimento dei beni di proprietà statale in proprietà privata nella Germania dell’Est. La procedura accelerata, la cieca fiducia nel mercato e le conseguenze socio-economiche hanno reso le azioni della Treuhand l'eredità più controversa della riunificazione delle due Germanie. Al fine di raccontare come eventi storici recenti e fasi economiche abbiano avuto un impatto sulla fiducia collettiva, si è scelto di analizzare un arco temporale che va dal 1990, anno della riunificazione tedesca e della creazione della Treuhandanstalt, fino ad oggi.
Il vettore scelto per descrivere questo andamento è l’IFO Index: indicatore economico della fiducia e delle condizioni delle aziende tedesche. Tale indice è il risultato di più di settemila interviste fatte ogni mese a manager e imprenditori: le domande riguardano la situazione attuale e le loro aspettative a sei mesi.
L’IFO anticipa di mesi le oscillazioni della produzione industriale tedesca e non solo, risulta essere un indicatore rappresentativo anche per l’economia Europea e Americana.
Nella prima metà del video è rappresentato l’andamento della fiducia nel passato attraverso fotogrammetrie di ambientazioni che vanno dalla sfera intima e personale, rappresentata da mani e gesti, a quella collettiva, descritta attraverso luoghi appartenenti alla città di Berlino - città simbolo della riunificazione delle due germanie.
La tecnica fotogrammetrica consente di ricreare digitalmente rappresentazioni che tentano il più possibile di avvicinarsi alla realtà. Questo scarto tra reale e rielaborazione digitale diviene lo spazio espressivo entro il quale si cerca di raccontare come l’influsso emotivo della fiducia abbia influenza sulla visione del mondo esterno.
Nella seconda parte la linea del tempo scorre, supera il presente e da lì in poi l'andamento della fiducia viene tracciato su base probabilistica; allo stesso modo la componente visiva non tenta più di ricostruire il reale, ma inizia a immaginare scenari inediti. Una rete neurale allenata su migliaia di immagini appartenenti al passato crea luoghi inesistenti, dei quali un secondo algoritmo cerca di darne una comprensione spaziale - tridimensionale. Questi paesaggi in continuo movimento divengono il luogo del possibile. Uno spazio non ancora scritto dalla storia ma di cui possiamo già iniziare a immaginare i confini.

 

 

Fuse

fuse* è uno studio ed una compagnia di produzione indipendente fondata nel 2007 che opera nell’area di incontro tra arte e scienza con lo scopo di esplorare le possibilità espressive date dall’uso creativo delle tecnologie digitali emergenti.
Sin dalle origini la ricerca dello studio ha avuto come obiettivo primario la creazione di installazioni e performance multimediali capaci di coinvolgere profondamente il pubblico amplificando l’impatto emotivo della narrazione. Nel corso degli anni lo studio si è evoluto, tendendo verso un approccio sempre più olistico alla creazione di nuovi progetti. Affidandosi ad un modus operandi che valorizza la sperimentazione pura, l’intento è quello di realizzare opere in grado di ispirare le persone, spostare i confini e cercare nuove connessioni tra luce, spazio, suono e movimento.
fuse* lega da sempre il proprio sviluppo a quello della comunità in cui opera sostenendo, promuovendo ed ideando progetti che hanno come obiettivo la diffusione della cultura e della conoscenza. Con questo intento dal 2016 co-produce il festival di musica elettronica ed arti digitali NODE.

Nel corso degli anni fuse* ha presentato le sue opere e produzioni a livello internazionale in istituzioni d'arte e festival tra cui Mutek, TodaysArt, Sónar Istanbul, Artechouse, STRP Biennial, RomaEuropa, Kikk, Scopitone ed il National Centre for the Performing Arts of China.